Sento i pollici che prudono… ed è tempo di nuove letture

 

Credo che non capiti solo a me. Anzi, ne sono certa.

Avete presente quella sensazione di irrequietezza che ogni tanto prende i lettori? Quella sensazione strana che ci fa prudere le mani e che malgrado le nostre esigue risorse finanziarie ci porterebbe dritti dritti a svaligiare una libreria intera?

Esatto. Quella. Mi sta affliggendo.

Più mi guardo intorno, sul web ma non solo, e più scopro libri che vorrei leggere. Giorno dopo giorno, ce n’è sempre uno di cui dico “Questo devo leggerlo assolutamente”. Poi però arriva il momento di farsi due conti e i libri che solo nell’ultima settimana – badate bene, solo nell’ultima! – hai detto di dover leggere assolutamente (imperativo kantiano, non si sbaglia) è piuttosto altino.

Altino tipo che solo per comprare quei libri dovresti spendere almeno un terzo del tuo stipendio e, anche ammesso che tu possa permettertelo, dovresti poterne leggere almeno uno all’ora per rimanere al passo.

Impossibile, lo so. E infatti sono avvilita.

Però.

Sì, c’è un però. E il però è che sono irriducibile e curiosa, ahimè. Ormai penso sia universalmente noto che non ce la faccio proprio a resistere alle tentazioni libresche (e menomale che i libri non fanno ingrassare, altrimenti sarebbe un pasticcio).

Considerato poi che fin da bambina mi hanno insegnato che non ci sono soldi meglio spesi che per i libri (e poi si chiedono di chi sia la colpa di questa mia mania. Dico, vogliamo parlarne?), ho deciso di non farmene un problema: ergo, sappiatelo, questo fine settimana investirò in cultura!

Ovviamente ho dovuto fare una selezione. Quindi vi anticipo i libri che ho deciso di leggere, ai quali mi dedicherò una volta terminato lo splendido romanzo che sto leggendo in questo momento (per chi non lo sapesse, se non mi segue su Effebi, lo splendido romanzo in questione è una nuova uscita di Edizioni e/o e s’intitola “Hugo e Rose”).

Insomma, ecco l’elenco:

“Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma” di Eduardo Savarese (sempre Edizioni e/o; giuro, non lo faccio apposta, sono loro che pubblicano troppi libri interessanti)

“Nonostante tutto” di Francesca Vignali Albergotti (edito da Fazi) — [potete leggerne la recensione qui]

“Luminusa” di Franca Cavagnoli (edito da Frassinelli)

E poi cambio tono con un romanzo rosa, che non guasta mai e fa sempre un’ottima compagnia: “Cercasi amore disperatamente” di Federica Bosco (visto quanto mi è piaciuto il suo “Peso specifico dell’amore”, non credo che mi deluderà).

A presto!

E buon fine settimana!

 

Benedetta Mannelli

Laureata in Lettere e aspirante informatica, ha un unico grande amore: i libri. Editor e blogger, ama rifugiarsi altrove, in mondi di carta (o pixel) che sanno regalarle emozioni uniche. Che cerca di trasmettere con i suoi consigli di lettura. Per questo nel 2014 ha aperto Rifugiarsi altrove: per condividere una passione.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: