“La libreria dei nuovi inizi” di Anjali Banerjee

 

I libri sono un antidoto alla tristezza.

 

La libreria dei nuovi inizi mi è capitato davanti agli occhi mentre passeggiavo in libreria in cerca del “prossimo libro”. La copertina mi ha attirato, la quarta di coperta mi ha incuriosito e, quindi, mi sono decisa e l’ho acquistato. Era proprio la lettura che stavo cercando per evadere: qualcosa di semplice e piacevole.

La storia narrata nel romanzo è dolce, magica e suadente. Ti avvolge con tepore, ti culla dolcemente pagina dopo pagina e ti lascia con quel senso di calore che solo un libro letto al momento giusto sa trasmettere. Sarà stato un caso, visto ciò che si nasconde tra le pagine di questo libro un po’ speciale? La libreria dei nuovi inizi, in fondo, altro non è che un omaggio alla magia della lettura e all’importanza che i libri hanno in un mondo in cui molti sembrano ignorarli o guardarli con sospetto.

Jasmine, la protagonista della storia, è una donna di origini indiane che vive e lavora a San Francisco. La sua vita cade a pezzi da quando ha scoperto che Robert, suo marito, la tradiva e il divorzio ha succhiato via quasi ogni risparmio dal suo conto in banca. È nell’isola di Shelter Island che Jasmine sta fuggendo, a lettura appena iniziata: si è decisa a prendere una pausa da tutto, cogliendo al volo l’occasione offertale dalla bizzarra zia Ruma, che possiede sull’isola una vecchia libreria. La zia di Jasmine deve andare in India per “aggiustarsi il cuore”, per questo ha bisogno che la nipote si occupi della sua libreria, che non è affatto una libreria come tante.

In essa c’è qualcosa di magico che le persone non trovano altrove, nonostante il perenne caos di libri, la polvere e la mobilia vecchia e mal ridotta: lì dentro, tra i vecchi scaffali sovraccarichi, sono i libri a trovare i clienti, sono capaci di chiamarli, facendosi trovare da chi sembra aver più bisogno di loro.

Immersa in questa realtà semplice e magica, alla quale inizialmente si accosta con molto scetticismo e riluttanza, Jasmine riscopre il piacere delle cose piccole – piccole come i libri –, ritrova i luoghi della sua infanzia e scopre che, nonostante il suo ex marito, è ancora capace di vivere. E grazie a un uomo molto speciale, di essere capace di innamorarsi ancora.

 

     Titolo: La libreria dei nuovi inizi
     Autore: Anjali Banerjee
     Casa editrice: BUR (Rizzoli)
     Anno: 2012
     Formato di lettura: cartaceo
     Prezzo cartaceo: 9,90 euro

Benedetta Mannelli

Laureata in Lettere e aspirante informatica, ha un unico grande amore: i libri. Editor e blogger, ama rifugiarsi altrove, in mondi di carta (o pixel) che sanno regalarle emozioni uniche. Che cerca di trasmettere con i suoi consigli di lettura. Per questo nel 2014 ha aperto Rifugiarsi altrove: per condividere una passione.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: